Avvocato Milano

Avvocato Divorzista Milano

Avvocato Civilista Milano

Avvocato Civile Milano

  • avvocato milano
  • avvocato milano
  • avvocato milano
  • avvocato milano

Il figlio che si occupa in via esclusiva del genitore anziano, ha diritto ad una quota maggiore dei beni ereditari?

Si verifica spesso in ambito familiare che la cura e l’accudimento del genitore anziano e non più autosufficiente avvenga ad opera e solo grazie alla buona volontà di uno solo dei figli.
Dunque spesso ci viene chiesto se, alla morte del genitore, il figlio che gli ha dedicato in via esclusiva assistenza e cure, può chiedere di ottenere una maggior quota di beni ereditari a compenso dell’impegno profuso nella cura dell’anziano, pur senza un testamento che lasci in suo favore la quota disponibile del de cuius.
Purtroppo, in assenza di testamento, tale pretesa non ha fondamento giuridico, in quanto la cura del genitore anziano è parte fondamentale dell’obbligo di assistenza che incombe sui discendenti in favore dei propri genitori e non corrisponde dunque ad una prestazione suscettibile di corrispettivo economico.
Anzi, al contrario, nel caso in cui vi sia inadempienza da parte dei figli nell’accudimento del genitore bisognoso, il Tribunale potrebbe, ad istanza di colui che abbia interesse, condannare i discendenti a pagare una somma necessaria affinchè sia possibile per il genitore bisognoso ottenere una prestazione assistenziale da parte di terzi.
Tuttavia nel caso in cui tale prestazione venga fornita spontaneamente dal figlio (come auspicabile), costui non potrà pretendere dagli altri eredi un valore economico corrispondente allo sforzo profuso nella cura del genitore, proprio in quanto ciò corrisponde ad un obbligo di legge che è stato spontaneamente adempiuto.

Attenzione, anche quando la cura del genitore avvenga ad opera di uno solo dei figli quest’ultimo potrà chiedere agli altri fratelli di prestare analoga assistenza o, in alternativa, di versare quanto è possibile in base alle disponibilità di ciascuno per ottenere da terzi la prestazione di assistenza che personalmente non si può ( o non si vuole ) eseguire.

Soluzione diversa sarà data nell’ipotesi in cui, alla morte del genitore, siano state anticipate da un solo figlio le spese per il ricovero del genitore in ambito ospedaliero e assistenziale. Ogni spesa, in questo caso, anche se pagata da un solo figlio, dovrà essere ripartita secondo le quote di ciascun erede.

 

tags: |testamento e successioni |quote ereditarie |eredità